Kleksographien

  Alcuni nostri contemporanei definiscono come “macchie di Rorschach” una forma di espressione grafica che non appartiene affatto a Rorschach. Non lo pretendeva nemmeno lui. Quindi forse è meglio rivedere (o studiare per la prima volta, se non le conosci …

continua ...

Gobolinks

  Molti chiamano “macchie di Rorschach” una forma grafica che non appartiene affatto a Rorschach. Non lo pretendeva nemmeno lui. Le macchie di Rorschach non sono di Rorschach. Il Test delle Macchie d’Inchiostro non è di Rorschach. Quindi forse è …

continua ...

Vicary: La pubblicità subliminale

  La possibilità di comunicare a livello sub-liminale, sotto la soglia della coscienza [sub limina], arrivando a influenzare la mente dei nostri interlocutori senza che questi se ne accorgano, è alla base di ipotesi come la telepatia o il dialogo …

continua ...

Breuer: Anna O

   Anna O è un nome d’arte, che richiama la consulenza psicologica offerta alla scrittrice, giornalista e attivista femminile viennese, fondatrice della Lega delle Donne Ebraiche: Bertha Pappenheim (1859-1936) Si tratta di uno dei casi più noti nella psicotecnica moderna …

continua ...

Precausal Reason

  English summary from PRECAUSAL REASON The conception of the world in maturity and in infancy pp. 165-167 in: Perussia F. – La ragione precausale: Rappresentazioni del mondo nella maturità e nell’infanzia. Milano: Psicotecnica Amazon, 1983.   The research represents a criticaI …

continua ...

Miller: Il magico numero 7

  Nel 1956 George A. Miller, della Harvard University, pubblica sulla Psycological Review uno degli articoli cui viene fatto più spesso riferimento in psicologia, intitolato: The magical number seven, plus or minus two: Some limits on our capacity for processing …

continua ...