Lorenz: Imprinting

Il medico viennese Konrad Lorenz (1903-1989), professore di psicologia alle Università di Vienna e di Konigsberg, nel 1935 pubblica il primo articolo in cui descrive il meccanismo dell’imprinting, uno dei costrutti più rilevanti per gli studiosi del comportamento

Imprinting è: stampare dentro (to print in) cioè timbrare

Lorenz conduce per anni delle osservazioni su vari animali e in particolare sulle papere che abitano il parco della sua villa di famiglia ad Altenberg

Nota che, poche ore dopo la nascita, i palmipedi identificano come proprio punto di ancoraggio il primo oggetto in movimento, di dimensioni rilevanti, che capita loro di incontrare

Per cui gli si attaccano compulsivamente, seguendolo ovunque

L’apprendimento per imprinting è una forma forte di associazione mentale complessa, che si determina in base a meccanismi psicologici innati di risposta comportamentale

L’associazione per imprinting si verifica in un momento specifico della vita animale, detto periodo critico da Lorenz e che oggi viene definito come periodo sensibile, che può durare anche meno di un’ora ma che non di rado è più dilatato

 

lorenz-ethologist

 

Il fenomeno dell’imprinting presenta una relativa somiglianza con il condizionamento classico pavloviano, ma senza che vi sia l’intervento di un rinforzo e seguendo un processo di collegamento mentale che sembra essere maggiormente articolato

L’apprendimento associativo per imprinting produce in primo luogo l’instaurarsi di obbligazioni sociali

Il giovane animale fissa nella memoria a lungo termine alcune caratteristiche visibili di elementi che sono in azione attorno a lui e che di lì in poi rappresentano l’oggetto di riferimento verso cui si indirizza il suo comportamento relazionale

L’imprinting può essere relativamente irreversibile e influisce anche sullo sviluppo dell’animale nella maturità

Il suo effetto principale si sostanzia nella identificazione di un soggetto vivente a cui affiliarsi nel periodo della crescita (imprinting verso il genitore-tutore) e del tipo di soggetti con cui accoppiarsi sessualmente una volta raggiunta la maturità biologica (imprinting verso il partner)

L’imprinting è stato studiato soprattutto negli uccelli, ma è presente, in modi e gradi diversi, presso la generalità dei vertebrati

Si manifesta, in forma più sfumata, nei mammiferi in generale e anche nella specie umana

Lorenz è considerato il fondatore dell’etologia, che è la psicologia sociale degli animali quale viene analizzata e descritta in termini soprattutto genetico-innatisti

E’ stato anche direttore dell’Istituto di Fisiologia del Comportamento al Max Planck Institute e dell’Istituto per la ricerca sul comportamento all’Accademia delle scienze austriaca

Nel 1973, Lorenz riceve il premio Nobel in condivisione con Nikolaas Tinbergen (1907-1988) e Karl von Frisch (1886-1982)

Stimolato dal contributo di Lorenz, che produce anche vari best-seller di divulgazione popolare sulla vita degli animali e sulle interazioni di questi con gli esseri umani, lo studio dell’imprinting è stato ampiamente sviluppato e affinato da molti ricercatori successivi

 

perussia.it-scheda-lorenz

 

 

Molti approfondimenti sul tema in: Perussia, F. (2015). Storia della Psicologia: Manuale di scienze della mente. Milano: Psicotecnica Amazon.

Per capire meglio la psicologia, si veda anche: StoriadellaPsicologia.it

 

CC BY-NC-ND 4.0 This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi